GIORNATA FAI PRIMAVERA

Quest’anno il tema delle Giornate Fai di Primavera è “la forza del contesto”, un titolo rubato al bellissimo saggio del nostro Presidente, Andrea Carandini, al quale ci siamo ispirati.

Il “contesto” esprime le molteplici connessioni tra i luoghi e l’umanità che li abita, offrendo inaspettate chiavi di lettura e diversi spunti di riflessione. Una città non deve diventare un museo statico e inerte ma il bello che contiene, anche degradato, deve trarre nuova linfa attraverso un dialogo continuo con gli uomini e le donne che una città abitano e vivono e con gli artisti che, con il loro segno, ridestano e amplificano la bellezza magari sopita che, sotto i nostri occhi, rivive e si trasforma ogni giorno.

Vi proponiamo, dunque, un percorso insolito attraverso i quartieri più vivi della nostra città che siamo sicuri non mancherà di sorprendervi.

Palazzo De Gaetani

L’Associazione culturale “Trame di Quartiere” ha riportato in vita i bassi dello storico Palazzo de Gaetani, situato nel cuore del quartiere San Berillo di Catania, un palazzo di quasi 150 anni. Uno spazio per la Catania di oggi che pensa alla Catania di domani. L’edificio posto Posto all’angolo tra via Pistone e via delle Finanze, il palazzo fu edificato nel 1870 e il primo proprietario fu Antonio De Gaetani. All’inizio il palazzo era destinato ad abitazione della famiglia de Gaetani nei piani alti e a botteghe artigiane nei piani bassi, quando la zona di San Berillo era il centro manifatturiero della città. Dopo la seconda guerra mondiale all’interno del Palazzo fu collocata la redazione del giornale La Voce dell’Etna, fondato da Giuseppe de Gaetani, successivo proprietario del Palazzo e storico avvocato catanese, il quale si oppose duramente allo sventramento dell’antico quartiere di San Berillo e alla speculazione edilizia di Corso dei Martiri. Dopo la morte di Giuseppe de Gaetani nel 1971, il Palazzo venne abbandonato dalla famiglia e i locali furono ben presto occupati dalla prostituzione che nel frattempo diventava predominante nel quartiere. Nel 2010 le porte di accesso ai locali bassi del palazzo furono murate dall’amministrazione comunale per impedire nuovi abusi e occupazioni al suo interno. L’attuale proprietario è Giovanni de Gaetani e nel 2015 ha reso disponibili i locali del palazzo a Trame di Quartiere, permettendo il recupero dei locali bassi e la riabilitazione di questi spazi per le iniziative del progetto. Il palazzo si presentava in stato di abbandono, con il cortile interno ricolmo di immondizia e i locali abbandonati alla polvere. Il secondo piano è stato occupato ed è attualmente abitato da soggetti svantaggiati socialmente ed economicamente. Trame di Quartiere ha ristrutturato i bassi dello storico palazzo ricavando uno spazio espositivo, una sala conferenze, servizi igienici e una piccola caffetteria. Il progetto prevede l’apertura di un Centro culturale di comunità sul quartiere di San Berillo, un luogo in cui dare forma e rendere fruibili i contenuti raccolti, un luogo a cui attingere per una rigenerazione urbana che metta in connessione la memoria e il presente. Nello spazio sono ospitati incontri, presentazioni di libri, mostre ed eventi culturali nell’ottica di dare un nuovo slancio culturale al quartiere. Al piano superiore è stato ricavato un vano destinato ai servizi igienici per gli abitanti del Palazzo e sono in progetto forme di co-housing per una convivenza più dignitosa degli abitanti. Il progetto Trame di Quartiere nasce  quindi dalla visione dei suoi soci e dalla lungimiranza del proprietario di Palazzo De Gaetani che ha deciso di dare in comodato d’uso le botteghe di via Pistone. Si tratta di un’esperienza inedita nella città di Catania, dove un privato proprietario di un immobile abbandonato decide di mettere a disposizione alcuni suoi spazi per restituirli alle comunità attraverso la promozione e realizzazione di attività sociali e culturali. Oggi il centro di Trame è un luogo che è stato visitato da centinaia di persone in occasione delle diverse iniziative organizzate dai soci. Al suo interno è presente un allestimento permanente sulla storia del quartiere, i suoi spazi ospitano quotidianamente attività organizzate dagli stessi abitanti che trovano in Trame un luogo di aggregazione che prima non esisteva.

 

 

Promosso da
Partner del progetto
Partner Tecnici
Media partner