LA NOSTRA ASSOCIAZIONE

Fare innovazione per noi non vuol dire cercare l’idea originale, piuttosto sperimentare nuovi intrecci tra risorse, significati ed esigenze che i territori evidenziano. Le nostre azioni si fondano sulla deliberazione ovvero sull’espressione verbale e non tra diversi attori coinvolti all’interno del quale posizioni diverse e distanti tra loro possano trovare soluzioni nuove.

Una trama di persone, luoghi e storie

Siamo un team interdisciplinare che spazia dalla animazione culturale e artistica alla progettazione di politiche e pratiche di rigenerazione urbane. Per noi la città è l’insieme di relazioni, flussi, pratiche e storia che si intrecciano in trame che producono luoghi. Per tale ragione crediamo che non basti un solo sapere ma l’esercizio di più saperi volti a configurare scenari nuovi per le nostre città. Facciamo della partecipazione la nostra bussola e pratica quotidiana, fuori dalle retoriche sbandierate in ogni buona occasione. Il metodo di lavoro che promuoviamo è teso al coinvolgimento delle comunità e degli attori nella messa a valore delle risorse presenti, creando connessioni con nuove progettualità e nuovi scenari. Siamo impegnati nella ricerca-azione tesa a determinare meccanismi di co-progettazione delle attività e degli spazi urbani. Il fine che vogliamo raggiungere è la realizzazione di politiche promosse dal basso capaci di creare inneschi creativi con la programmazione istituzionale che riguarda la città.

Fare innovazione per noi non vuol dire cercare l’idea originale, piuttosto sperimentare nuovi intrecci tra risorse, significati ed esigenze che i territori evidenziano. Le nostre azioni si fondano sulla deliberazione ovvero sull’espressione verbale e non tra diversi attori coinvolti all’interno del quale posizioni diverse e distanti tra loro possano trovare soluzioni nuove.

L’associazione Trame di quartiere è vincitrice del concorso di idee Boom Polmoni Urbani ed è impegnata nella realizzazione dell’omonimo progetto di innovazione culturale e sociale volto a riscoprire il patrimonio culturale materiale e immateriale di un luogo, rafforzare le relazioni cooperative tra le comunità che lo abitano e costruire un’offerta culturale al fine di attivare processi di rigenerazione urbana. Attraverso la ricerca e la sperimentazione delle arti performative e audiovisive si vuol rendere fruibile una significativa parte del centro storico della città di Catania, l’antico quartiere San Berillo.

Cosa facciamo

Rigenerazione

Progettazione e consulenza per interventi di rigenerazione urbana, seguendo un approccio place based contestuale e integrato.

Mappature di comunità

La mappa costituisce nel nostro lavoro un importante strumento di rappresentazione e conoscenza dei territori, necessario a progettare politiche urbane efficaci.

Pratica partecipative

Progettiamo percorsi partecipativi a supporto di interventi e politiche per la pianificazione della città.

Il team di Trame

Luca Lo Re

Laurea magistrale in Storia e cultura dei paesi mediterranei presso Scienze Politiche che approfondisce le tematiche di Antropologia urbana conducendo una ricerca sul quartiere di San Berillo di Catania, la tesi prodtta gli conferisce una menzione di merito. Ha lavorato come esperto in progetti di cittadinanza a va conducendo laboratori di mappe urbane.

Andrea D’Urso

Dottore di ricerca in “Paesaggio Comunità locali, sviluppo sostenibile integrato”, ha realizzato proge di ricerca-azione sulla riscoperta del patrimonio culturale di San Berillo. Si occupa di progettazione europea nell’ambito della valorizzazione dei beni culturali.

Maria Arena

Regista, laureata in Filosofia e diplomata in Regia alla Scuola Civica di Cinema di Milano. Ha realizzato cortometraggi, videoclip, video-installazioni, spettacoli teatrali. Tiene laboratori sul linguaggio audiovisivo e insegna “Digital Video” presso l’Accademia di Belle Arti di Catania, di Brera Milano, di Palermo. “Gesù è morto per i peccati degli altri” ambientato nel quartiere San Berillo di Catania, è il suo primo film lungometraggio.

Mariagiovanna Italia

Formatrice esperta in processi comunicativi, intercultura e gestione delle dinamiche di gruppo in processi di lifelong learning; cultrice di letteratura contemporanea; operatrice di Teatro dell’Oppresso e cofondatrice del gruppo TdO Punteruolo; operatrice di Teatro Sociale all’interno del gruppo Officina Socialmeccanica (con Maria Chiara Salemi e Luisa Sannella).

Giovanni De Gaetani

Nato a Catania, è il proprietario del palazzo ottocentesco “De Gaetani”, situato nel vecchio S. Berillo, dove in alcuni locali verrà realizzato il centro. Ha aderito con entusiasmo al progetto avendo visto in esso un’alternativa alla speculazione edilizia.

Fiorenza Maugeri

Laureata in ingegneria del recupero edilizio e ambientale ha svolto per la sua tesi di laura una ricerca sulla progettazione e autorecupero edilizio di alcuni edifici di San Berillo.

Promosso da
Partner del progetto
Partner Tecnici
Media partner